Pages

giovedì, dicembre 9

MONTE CAZZOLA

Il sottotitolo della gita di martedì potrebbe essere basta crederci.
Martedì siamo partiti con cielo coperto e una pioggerellina insistente definita "fina folta e bastarda" da mio cugino. Tempo che è rimasto per quasi tutto il viaggio.
Arrivati in prossimità della meta si è iniziato a vedere il sole dietro le montagne, ed effetti a Devero c'era poi il sole.

Sole che non aveva comunque sciolto la neve sulla strada motivo per cui ho dovuto montare le catene o non sarei salito. Montando le catene ho dato un ottimo esempio del mio orgoglio maschile rifiutando l'aiuto di una ragazza (anche loro le stavano montando) che me l'offriva sfoggiando una faccia piuttosto scocciata e scioccata dalla richiesta.

In ogni caso arrivati a Devero come detto c'era il sole e non c'era nessuno! Oltre alle ragazze di cui sopra non c'era nessun altro ma tanta (20/30cm) di neve fresca.

Iniziamo la salita al Monte Cazzola io con la split (Fede con ciaspole) e tutto fila liscio e lo spettacolo era fantastico. In un paio d'ore arrivo in cima, Fede si ferma un po prima.
Mentre salivamo dalla piana si stavano alzando delle nuvole. Nuvole che mi hanno rotto le scatole nel tratto più bello e più sciabile. Rottura di scatole che è consistita in cadute, sbaglio di strada  e successivo ravanamento vario ed eventuale per tornare sulla retta via.
Per il resto tutto tranquillo e molto divertente.

Qui qualche foto:













PS
in questo post dello scorso anno, avevo definito questo percorso come la salita al Lago Nero sbagliandomi.

4 commenti: