Pages

giovedì, marzo 6

ALPE TSA DI FONTANEY

La gita ha un antefatto sabato, quando per una bella cena abbiamo fatto tardi la sera come quando si era giovani.
Fare tardi che ci ha portato a partire con un ora di ritardo rispetto a quanto preventivato.
La metà è rimasta sempre la stessa Saint Barthelemy, cosi io sarei potuto salire al Col du Chaleby e la Fede fare fondo.
La giornata come da aspettative era stupenda, ma faceva per me troppo caldo ed ero spompo per via della sera prima. Praticamente subito decido che non avrei puntato al Col du Chaleby ma solo all'Alpe Tsa di Fontaney per poi non scendere verso il parcheggio della pista di fondo ma su Lignan cosi da fare un 400m in salita ma un 800m circa in discesa.
Salendo la neve era tanta e infatti nessuno aveva tracciato il bosco, per cui anche io sono salito per il percorso delle ciaspole, meno faticoso ma lungo. 
In un oretta ero all'Alpe dove mi sono fermato per un po a prendere il sole.
Scendendo il percorso è divertente ma la neve era un polentone, non mi ricordo molto volte in cui sotto la tavola mi si è formato un croppone.
Per finire sulla via delle ritorno abbiamo pranzato nel ristorante la Crota de Vignoron di Chambave per poi passare in cantina, alla faccia del ristorante/bar di Lignan mezzo vuoto che non aveva tempo di farci dei panini.
Qui qualche foto:







mercoledì, febbraio 26

CAPANNA MONTE BAR

Sabato come al solito ero da solo e di corsa che dovevo cucinare il lesso!
La scelta doveva quindi essere su un qualcosa di davvero vicino e la cosa più vicina e magari nuova, ho scelto il Monte Bar.
Arrivarci non è difficile peccato ma ho sbagliato lo stesso un paio di strade, quindi al posto di un oretta ci ho messo un oretta e venti! Stessa cosa al ritorno visto che ho risbagliato, ma da un altra parte...
La salita è davvero tranquilla prima una carrozzabile e poi per un boschetto rado. Non è stato pero cosi divertente salire perchè c'era e perchè io sono cocciuto!
Salendo avevo poco davanti un ciaspolatore, che arrivato a un certo punto è tornato indietro dicendomi: "di li non conviene andare che non c'è più traccia, è tutto ghiacciato e di traverso, conviene tornare indietro e salire dall'altra parte", io ovviamente mi sono sentito troppo figo e sono andato avanti. Andando avanti era davvero tutto ghiacciato, tutto inclinato, senza traccia e con un vento che mi spostava tanto da dovermi fermare a mettere i coltelli e smadonnare un po di volte.
Arrivato in vista della Capanna il vento c'era ancora ma la vista mi ha ripagato di tutta la fatica! Ho deciso di fermarmi alla capanna per il troppo vento che di continuare per andare a fermarmi su un cucuzzolo ventoso non mi andava proprio...
Alla Capanna del Monte Bar ho fatto la conoscenza del cane, e mi son girate le balle a vedere tutta la gente che saliva dal lato non ghiacciato!
La discesa non è stata lunga ma davvero divertente.
Qui qualche foto:








lunedì, febbraio 10

PRIMA AL SAN PRIMO DI PARIDE

Paride ha ormai un anno e quindi era ora di portarlo a zonzo sulla neve, quindi siamo andati al San Primo e abbiamo fatto un giretto tranquillo tranquillo di un paio d'ore tra salita e discesa.
La giornata era un po cosi in giro c'era un sacco di gente ma nel complesso io e Fede ci siamo divertiti tanto, lui mi sà che è rimasto un po perplesso.
Un po perplesso perchè salendo ha praticamente dormito tutto il tempo, in discesa è stato un po sveglio ma non penso ci abbia capito molto. Finito lo abbiamo messo sulla slitta e li era bello sveglio e secondo me si è anche divertito un po...

Al San Primo hanno riattivato gli impianti quindi c'era gente li usava, e alcuni di questi mi ha fatto commenti a cazzo sul fatto che scendessi con lo snow e Paride in spalla. La gente che invece ho incontrato salendo non ha praticamente commentato...

Qui qualche foto della giornata:









mercoledì, gennaio 29

SCHOLLENHORN QUASI - GITA A CASO

Sabato siamo pronti e partiamo la mia idea era fare il Piz Arbeola a San Bernardino la Fede farsi un giro con le ciaspole (Paride era dalla nonna).
Le previsioni davano bello la mattina, con nuvole in arrivo nel pomeriggio e vento moderato ma in alta quota.
Arrivati a San Bernardino il vento per me era forte cosi tiriamo dritti e andiamo a Splugen, anche se non avevamo pensato nulla di alternativo a Splugen.
Superata la galleria il vento non c'era più ma era nuvoloso forte. Scendendo verso Splugen vedo tanta gente in partenze per le altre gite della zona, e visto che Fede sarebbe salita con le ciaspole decidiamo di salire il sentiero estivo dietro il paese e io poi avrei visto cosa fare.

Iniziamo a salire e il tempo cambia in meglio: esce un bel sole caldo e quindi tutto diventa più piacevole. Salendo incontriamo un po di scialpinisti (tutti non parlanti italiano), e altri li vedo avanti, capisco quindi dove stanno andando (seguono una forestale) tutti fino a un certo punto, delle baite, ma da li in poi ignoro tutto.
Inizialmente penso di non seguirli ma risalire un paio di volte dei pendii li di fianco che vedo e su cui ero già stato poi pero decido che scoprire cosa c'era più su sarebbe potuto essere divertente e al limite se non mi avesse convinto avrei potuto sempre girarmi...

Morale la Fede si ferma alle ultime baite e io continuo a seguire le tracce. Le seguo fino un cucuzzolo dove finisce la salita (non so altezza perchè mi si è scaricata pila altimetro nel mentre) e li mi fermo pensando di essere arrivato perchè vedo fermi tutti e due gruppo che seguivo.
Fermandomi mi preparo a scendere e ci rimango un po male quando vedo un gruppo ripartire seguendo la cresta e ancora di più vedendo alcuni che scendono per quella traccia. Guardando la traccia mi sono perso solo un sali/scendi di una mezz'oretta ma cosi ho mancato una cima di cui non conoscevo il nome!
Dovendo scendere avevo lo stesso problema della salita cioè non sapere dove andare di preciso (non volendo seguire traccia di salita), quindi per scendere aspetto che parta qualcuno e lo seguo un poco fino a capire da che parte andare.

La discesa è per 3/4 (un po di più) una figata di cui molta su bella polvere mentre per 1/4 (un po meno) uno schifo di discesa su un crostone triturato.

Il nome della cime mancata Schollenhorn, l'ho scoperto solo la sera a casa, e guardando la cartina direi che ho salito un mille metri abbondanti del percorso.

Qui qualche foto:









venerdì, gennaio 10

LAGHI DI SURETTA

Per smaltire le feste alla befana sono tornato dopo tanto a fare sci alpinismo, ancora con la tavola per ora!
Dato che ero fermo da tanto e solo ho scelto i Laghi di Suretta, posto che conosco e per me sicuro.
La giornata era abbastanza bella e la neve anche, peccato che fuori dal bosco ci fosse un vento molto forte (solita incomprensione tra me e il meteo svizzero).
Il vento era talmente forte da aver cancellato la traccia, per cui da li in su mi son dovuto battere la traccia tutto solo soletto. Vento che spero abbia cancellato anche la mia cosi nessuno mi insulterà seguendola...
Salendo mi sono fermato prima dei pianori che portano ai Laghi veri e propri che tanto era inutile andare fino li.
Discesa corta ma divertente con neve più ventata che fresca sopra e accettabile nel bosco, anche se ogni tanto un po troppo ghiacciata.

Qui qualche foto:






martedì, dicembre 3

VIVERE IN PROVINCIA: POSTE ITALIANE

Iniziando a scrivere il blog direi che non mi sarei mai aspettato di scrivere qualcosa sulle Poste Italiane, intese come servizio postale, ne di farlo parlandone bene!

Una volta per consegnare le raccomandate c'erano solo le Poste, ora con la liberalizzazione ce ne sono molto che lo fanno tra cui TNT. Il servizio è uguale se ci sei firmi e la prendi se no ti lasciano l'avviso e fino qui è tutto identico e non ho nulla da dire. Il problema nasce con l'andare a ritirarla una volta ricevuto l'avviso.

In genere si riceve l'avviso perchè non si è in casa, tipicamente perchè a consegnare passano in orario lavorativo quando la gente è al lavoro. Una volta perciò o si mandava la mamma/nonna/zia a ritirarla presso l'ufficio postale del paese o si aspettava il sabato mattina e si andava di persona.

Oggi invece se consegna TNT non è cosi, perchè loro l'ufficio nei paese non ce l'hanno e il sabato mattina mica sono aperto. Il loro ufficio è a 16km dal mio paese e fanno orari da uffici del tipo 9-12 e 2-6 dal lunedi al venerdi, che poi gli stessi di chi lavora.
Io ieri ho trovato un famoso avviso e, salvo che passino sabato mattina, per sapere chi mi manda una raccomandata dovrò aspettare il 23 dicembre, chiedere a qualcuno di buttare una mattinata o prendere una mezza giornata di ferie.

Io trovo la cosa molto stupida, per cui ok la liberazione ma su certe cose deve essere garantito un certo livello di servizio per l'utente finale. Io considero me l'utente finale e non il comune che mi avrà mandato una qualche multa!

mercoledì, ottobre 9

VIVERE IN PROVINCIA: MUOVERSI

Nei piccoli/medi paesi di provincia i mezzi in genere collegano il paese A al paese B, se ti va bene il paese è un po grossino e la stessa linea fa 2 fermate o più fermate in quel paese.
Questo comporta che, ad esempio, a un paio di chilometri da casa mia c'è un centro commerciale e che per arrivarci con in mezzi io dovrei in teoria fare un chilometro fino alla stazione/fermata del mio paese prendere un mezzo scendere alla stazione dell'altro paese e poi fare un chilometro fino al supermercato.
In alternativa potrei fare quel paio di chilometri a piedi con la doppia scelta di passare dai campi (intendo un campo seminato con trattori che passano) o per una strada un po trafficata dove non ci sono negozi (salvo qualche meccanico, concessionario e simili).
Fatte queste premesse la scelta di praticamente tutti è che per andarci si prende la macchina e all'inizio lo abbiamo fatto anche noi!
Dico solo all'inizio perchè pensandoci un poco ci siamo accorti che in citta la stessa distanza l'avremmo fatta senza problemi a piedi o in bicicletta, anzi in citta facevamo anche giri più lunghi e con la spesa nello zaino!

Fatta questa constatazione abbiamo iniziato a muoverci, facendolo abbiamo anche capito che salvo gli orari di punta non è che sia in giro un casino di macchine cosi mostruoso (cioè mi è capitato di vedere piu volte uno convintissimo pattinare in mezzo alla strada senza problemi!).
Ora che Paride è cresciuto poi abbiamo gia pronto il carrettino (saremo gli unici ad averlo nel raggio di qualche chilometro ma fa nulla) e abbiamo scoperto un bel percorso tutto in ciclabile!